Home Trasporti Regione, “Via” libera al progetto della Galleria di Tivoli: “Opera per tutta...

Regione, “Via” libera al progetto della Galleria di Tivoli: “Opera per tutta la Valle dell’Aniene”

5
0

“Lo scorso 30 Ottobre la Direzione Politiche Ambientali della Regione Lazio ha espresso parere favorevole sulla valutazione di impatto ambientale del progetto della galleria di Tivoli (traforo di Monte Ripoli) e nuovo ponte sull’Aniene”, annuncia il capogruppo regionale del Pd, Marco Vincenzi. E ora l’ex sindaco tiburtino incalza il suo successore, Giuseppe Proietti: “l’attuale Amministrazione Comunale di Tivoli adesso finalmente chiarisca se è d’accordo alla realizzazione della grande e importante opera pubblica che rivoluzionerebbe la circolazione della Città di Tivoli, della Valle dell’Aniene e dell’Area Empolitana”. Anche perché la riunione ha chiarito che “l’attivazione della procedura di VIA prevede che la conformità urbanistica sia acquisita prima della presentazione dell’istanza, pertanto il Comune dovrà provvedere in tal senso”, aggiunge Vincenzi. Il quale ricorda che il progetto prevede “il traforo galleria di Monte Ripoli, che inizia sulla Tiburtina all’altezza della curva cosiddetta del “Regresso”, a circa un km dell’ingresso del centro città, e termina su piazzale Saragat (Cimitero)”. Dove sorgerebbe “un grande parcheggio multipiano interrato, attrezzato anche per la sosta dei pullman turistici”. E, infine, “un nuovo ponte sull’Aniene e un nuovo tratto di strada che si ricongiunge sulla via Tiburtina dopo la Stazione ferroviaria di Tivoli, in direzione Abruzzo.
Si tratta di una grande opera che consentirà di evitare l’attraversamento dell’intero centro città per tutto il traffico della Tiburtina in direzione Roma e della Tiburtina e Empolitana in direzione Subiaco, Valle Aniene. Il costo dell’Opera è di circa 100 milioni di euro, finora sono stati investiti circa un milione di euro, finanziati dalla Regione, la metà circa per la progettazione e l’altra metà circa per l’espletamento dei sondaggi. Le Istituzioni regionale, metropolitana e comunale si devono impegnare per portare a termine la fase progettuale e iniziare il percorso del reperimento delle risorse finanziarie”.