Home Giorno in Procura UN GIORNO IN PROCURA OTTOBRE 2019

UN GIORNO IN PROCURA OTTOBRE 2019

1
0

11/10/2019 TOR BELLA MONACA: 3 ARRESTI E 12 DENUNCIATI PER ALLACCI ABUSIVI Proseguono i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Frascati nel quartiere romano di Tor Bella Monaca, con la collaborazione della Polizia Locale di Roma Capitale, dei tecnici ATER Roma e ACEA ATO 2. I servizi di controllo hanno permesso di arrestare 3 persone e di denunciarne altre 12 per allacci abusivi alle rete elettrica e idrica. In largo Ferruccio Mengaroni, un romano, di 24 anni, nullafacente e con precedenti, è stato sorpreso aggirarsi con fare sospetto nei pressi di una nota piazza di spaccio, dai Carabinieri in borghese, impegnati in una attività antidroga, in possesso di diverse dosi di droga. A seguito della perquisizione personale, i militari hanno rinvenuto 10 dosi di eroina, 4 dosi di cocaina e 280 euro in contanti. Altri due romani, di 45 e 47 anni, sono finiti in manette in esecuzione di ordinanze di custodie cautelari in carcere, poiché, già sottoposti agli arresti domiciliari, hanno ripetutamente violato la misura, come accertato dai Carabinieri, a seguito di numerosi controlli. Nel medesimo contesto i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca unitamente agli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale e del personale tecnico dell’Acea e dell’Ater, hanno ripetuto dei controlli negli stabili, ai civici 30 e 50 di via Santa Rita da Cascia, dove sono state riscontrate decine di allacci abusivi, sia alla rete elettrica, sia a quella idrica, che hanno portato alla denuncia a piede libero di 12 persone con l’accusa di furto aggravato.

 

10/10/2019 – TIVOLI – FARM DELLA MARIJUANA A RIDOSSO DI VILLA ADRIANA: 3 ARRESTI Una “farm stupefacente” è stata scoperta dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Tivoli a due passi da villa Adriana, in località Colli Santo Stefano. A finire in manette con l’accusa di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi clandestine sono state 3 persone: il proprietario di casa romano di 56 anni, una donna di Nettuno di 49 anni e un 66enne originario della provincia de L’Aquila. I “soci” sono stati sorpresi a defogliare ben 12 piante di marijuana alte mediamente 180 cm e per un peso complessivo di circa 5 Kg, interrate nella proprietà del 56enne, ben protetta da una rete elettrificata. Le successive operazioni hanno consentito di scoprire e sequestrare, nell’ampio locale cucina del villino, un vero e proprio laboratorio dove erano in lavorazione e confezionamento altri 6,5 Kg di marijuana, oltre a macchinari per la pesatura, per lo sminuzzamento del fogliame e per l’impacchettamento in buste termosaldate sottovuoto. Tra la droga, inoltre, è spuntato anche un fucile monocanna privo di marca e di matricola, perfettamente funzionante. Il romano di 56 anni è stato rinchiuso nel carcere di Rebibbia, mentre per i 2 complici sono stati disposti gli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni.

 

09/10/2019 TIVOLI, MINACCIA IL COMPAGNO E GLI MANDA VIDEO: «COSÌ TI AFFOGO IL CANE»

Intervento congiunto con la polizia di Tivoli delle Guardie zoofile Norsaa, su delega della Procura di Tivoli. Gli inquirenti hanno svolto accertamenti, con decreto di perquisizione e sequestro, sul presunto maltrattamento di animali da parte di un allevatore nei confronti del cane del suo ex compagno. Le prime indagini hanno rilevato la presenza di una abitazione adibita a struttura di accoglienza per cani, priva di idoneità sanitaria, con circa 65 animali in evidente e grave stato di degenza. La situazione è stata segnalata alle autorità sanitarie e al Comune. «La raccapricciante situazione di maltrattamento forse inconsapevole — spiegano le guardie zoofile — è culminata con il tentativo estremo del proprietario degli animali di affogare una cagnolina per fare dispetto al suo ex compagno. Gesto filmato e testimoniato da un video inviato con il cellulare. “Ecco la tua amata. Vedi come muore? Guarda sotto l’acqua. Così muore affogata. Almeno te impari. Te la faccio trovare morta. E uno per volta te li ammazzo tutti” la minaccia shock”». La cagnolina, posta sotto custodia giudiziaria, è stata la prima ad essere messa al sicuro. Anche altri cani sono stati trasferiti in strutture idonee.

01/10/2019 SUBIACO – RAID DI VETTURE DANNEGGIATE: DENUNCIATO DAI CARABINIERI I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Subiaco hanno identificato e denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Tivoli il responsabile dei danneggiamenti subiti solo qualche notte fa da alcune autovetture parcheggiate in vari punti della cittadina sublacense. Il gesto vandalico, verificatosi in piena notte, aveva destato scalpore e preoccupazione nei cittadini. Il responsabile è un giovane straniero, 18enne ed incensurato, al quale i militari, ricevute le denunce dei proprietari, sono risaliti grazie ad un’articolata attività info-investigativa basata sull’analisi delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona e sugli elementi rilevati nel corso dei vari sopralluoghi, tra cui l’oggetto utilizzato per infrangere i vetri ed i lunotti dei veicoli. L’autore dovrà ora rispondere del reato di danneggiamento aggravato.