Home Roma “Modelli criminali atipici a Tor Bella Monaca, San Basilio e la Romanina”

“Modelli criminali atipici a Tor Bella Monaca, San Basilio e la Romanina”

4
0

Presentato il IV aggiornamento del Rapporto ‘Mafie nel Lazio’, il resoconto documentato delle principali inchieste giudiziarie portate a termine tra il 1 gennaio e il 31 dicembre del 2018: 103 le ‘famiglie’ censite, 118 gli indagati per associazione mafiosa. Il volume, di quasi 300 pagine, da quest’anno disponibile anche in formato e-book – è stato presentato al WeGil di Trastevere, a Roma, dal presidente, Nicola Zingaretti e dal presidente dell’Osservatorio regionale Sicurezza e Legalità,  Gianpiero Cioffredi, con gli interventi del prefetto di Roma Gerarda Pantalone, del capo centro della Dia di Roma, Francesco Gosciu, del segretario generale della procura presso la Corte d’Appello di Roma, Emma D’Ortona, e del professor Nando Dalla Chiesa dell’Università di Milano.

“Sotto la lente in questa IV edizione ci sono le indagini che hanno indebolito le ramificazioni di Cosa nostra catanese nel Lazio e le sentenze emesse contro il clan Rinzivillo di Gela, attivo anche a Roma.  Non solo: nuovi elementi che confermano la graduale stabilizzazione delle cosche di ‘ndrangheta e la pervasiva presenza economica della camorra nella Capitale così come la trasformazione di alcune periferie metropolitane in laboratori di nuovi modelli criminali in cui avviene il contagio del metodo mafioso”, ha detto il presidente dell’Osservatorio regionale Sicurezza e Legalità, Gianpiero Cioffredi. “È importante questo Rapporto perché è prodotto da un’istituzione dello Stato. Siamo abituati a ringraziare giornalisti, associazioni, comitati, che fanno opere meritorie. Ha però valore il fatto che come Stato siamo promotori del più puntuale rapporto di conoscenza delle mafie nel territorio. Nessuno può più dire che non sapeva – così il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: deve essere una battaglia di massa, fatta dalle persone”.

ROMA EST – Secondo il Rapporto, oltre “i modelli criminali atipici sviluppati nelle periferie come Tor Bella Monaca, San Basilio, Ostia e la Romanina, dove oltre alle “piccole mafie” cui abbiamo già

dedicato ampia analisi in questo Rapporto, stanno crescendo gruppi di narcotrafficanti spesso composti da soggetti di diverse nazionalità e provenienza che usano il metodo mafioso nel commettere i reati. E – cosa ancora più preoccupante – si ispirano più ampiamente al “modello criminale mafioso”: dai disvalori tipici delle organizzazioni criminali, ai simboli inneggianti i capi del gruppo, ai tatuaggi che raffigurano le figure apicali, alla mitizzazione dei narcotrafficanti uccisi nelle faide, sino alle condizioni in cui vivono donne e minori del gruppo”. Gli autori del Rapporto regionale aggiungono: “numerose sentenze di primo e secondo grado ed indagini delle Dda di Roma, Milano, Catanzaro, Napoli hanno attestato la presenza e l’operatività del clan dei casalesi, di una locale di ‘ndrangheta dei Gallace, di sodalizi locali dediti al narcotraffco e all’usura, di aggregazioni criminali formate da esponenti di spicco della camorra assieme ad esponenti della criminalità organizzata di Tor Bella Monaca”.

I CLAN DEL NARCOTRAFFICO:

  1. QUARTICCIOLO

Clan Molè

Clan Pagnozzi

  1. TOR BELLA MONACA

Gruppo Senese

Clan Casamonica

Clan Moccia

Clan Gallace

Famiglia Damiani-Fabietti

Gruppo Monterisi

Clan Aye-Clan Eye (Mafia

Nigeriana)

Gruppo Crescenzi

Famiglia Cordaro

Famiglia Sparapano

Gruppo Capogna

  1. TORREMAURA

Gallace-Romagnoli

  1. ROMANINA

Clan Casamonica

  1. CASILINO

Clan Pelle Pizzata

Clan Gallace-Romagnoli

  1. SAN BASILIO

Gruppo Papillo

Gruppo Cimmino

Gruppo Cataldi

Clan Gallace