Home Sanità La broncopneumopatia cronica ostruttiva

La broncopneumopatia cronica ostruttiva

3
0

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una tra le più diffuse patologie respiratorie croniche, tra le principali cause di mortalità e morbilità nel mondo ed è associata ad un significativo impatto sulla qualità della vita del paziente e a un importante carico economico per la società. La definizione del Documento GOLD 2018 definisce la BPCO: “La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una comune malattia, prevenibile e trattabile, caratterizzata da persistenti sintomi respiratori e limitazione al flusso aereo, che è dovuto ad anomalie delle vie aeree e/o alveolari solitamente causate da una significativa esposizione a particelle nocive o gas.

I sintomi respiratori più comuni comprendono la tosse e/o la produzione di espettorato, dispnea cronica e progressiva associata a significativa invalidità, riduzione della qualità della vita e prognosi negativa. Questi sintomi possono essere sottostimati dal paziente, che giunge all’osservazione del medico in fase tardiva. Il principale fattore di rischio per la BPCO è il fumo di sigaretta inalato ma possono contribuire altre esposizioni ambientali come quella al fumo dei biocombustibili e quella dovuta all’inquinamento atmosferico. In aggiunta alle esposizioni, fattori legati all’ospite predispongono gli individui a sviluppare la BPCO, tra cui anomalie genetiche, anomalo sviluppo polmonare e invecchiamento precoce. La BPCO può essere caratterizzata da periodi acuti con peggioramenti dei sintomi respiratori, noti come riacutizzazioni, che peggiorano l’andamento clinico della patologia con veloce declino della funzione polmonare. Nella maggior parte dei pazienti, la BPCO è associata a importanti malattie croniche concomitanti, che aumentano morbilità e mortalità. L’obiettivo del trattamento farmacologico è rappresentata dal miglioramento dei sintomi e della riduzione della frequenza e della gravità delle riacutizzazioni e del miglioramento dello stato di salute e tolleranza all’attività fisica, con conseguente miglioramento della qualità di vita e della funzione respiratoria.

 

 

Dott.ssa Erica Botta

Medico chirurgo e specialista in malattie dell’apparato respiratorio