Home Sanità Beni ex Pio Istituto, Cantone “bacchetta” l’Asl Roma 5: “Scelta degli avvocati...

Beni ex Pio Istituto, Cantone “bacchetta” l’Asl Roma 5: “Scelta degli avvocati non in linea con i principi Anac”

27
0

L’Anac “bacchetta” la Asl Roma 5, che ha deciso poi di revocare la delibera di affidamento “in forma diretta ad un operatore economico privato servizi di supporto tecnico alle attività delle pubbliche amministrazioni e servizi di consulenza, ivi compresa quella legale stragiudiziale in violazione dell’art. 36 comma 2 lett. b) del d.lgs. 50/2016 e non in conformità alle Linee Guida Anac n. 4, recanti “Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici”. L’Autorità nazionale Anticorruzione ha deliberato sulla “Convenzione stipulata con il prof. Avv. Michetti e l’avv. Frattini” da parte dell’azienda sanitaria per le “procedure per la vendita dei Beni ex Pio Istituto, nelle procedure di esproprio e comunque in tutte le vicende di natura civilistica, amministrativistica e penalistica di cui alla convenzione con la Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana”. E l’autorità, presieduta dal magistrato Raffaele Cantone, “evidenzia che la scelta degli avvocati non appare pienamente in linea con i principi generali di cui all’art. 4 del d.lgs. 50/2016 (pubblicità, trasparenza ed imparzialità) in quanto l’individuazione degli stessi è avvenuta sulla base di un impegno contrattuale assunto con l’art. 5 della Convenzione del 22.12.2016, e per stessa ammissione della ASL quale logica conseguenza della sottoscrizione della suddetta Convenzione”. Il presidente Cantone ha dato “mandato all’Ufficio istruttore di inviare la presente delibera alla Procura Regionale per il Lazio della Corte dei Conti per l’eventuale seguito di competenza”. E l’Asl Roma 5, il 18 settembre, ha revocato la delibera perché “intende conformarsi alle indicazioni espresse dalla citata Autorità nella predetta deliberazione”. L’azienda sanitaria tiburtina “non ha corrisposto somme in favore dellaFondazione Gazzetta Amministrativa per le attività relative alle convenzione” e “non ha corrisposto somme in favore del prof. Avv. Enrico Michetti e dell’vv. Fabio Frattini per gli incarichi professionali relativi alla convenzione”.