Home Roma Stadio Roma, uno degli arrestati è di Olevano Romano: è della società...

Stadio Roma, uno degli arrestati è di Olevano Romano: è della società dell’outlet di Vicovaro

13
0

Tra i 9 arresti per l’inchiesta sul nuovo stadio della Roma c’è anche Luca Caporilli, nato a Olevano Romano nel 1964, collaboratore fidatissimo del costruttore Luca Parnasi e dirigente della società Eurnova. Parnasi, classe ’77, figlio ed erede di Sandro Parnasi, che ha realizzato il quartiere Torrino, presso l’Eur, e i due grattacieli della Capitale accanto al centro commerciale Euroma2. Dopo la morte del padre avvenuta nel 2016, Luca Parnasi ha puntato moltissimo sulla costruzione del nuovo stadio della Roma per cui, tramite la società Eurnova di cui è a capo, ha acquistato dai fratelli Papalia a Tor di Valle i terreni nel 2012. Ma, oltre alla Olevano del suo collaboratore (geometra, dal 2011 in forza alla Eurnova, subito scarcerato anche alla luce del suo contributo all’indagine), Parnasi ha avuto a che fare con un altro Comune della Valle dell’Aniene: Vicovaro. Per via del famoso progetto dell’Outlet, finito lo scorso anno. Annunciato nel marzo del 2009, infatti, il “Vicovaro Outlet-Roma” 8 anni è morto nella culla: la società Parsitalia promotrice dell’iniziativa è stata chiusa proprio da Parnasi, dopo aver sistemato le partite con la controllata di Unicredit Capital Dev che aveva rilevato i principali progetti immobiliari in cambio di una quota del debito che superava i 700 milioni. A Unicredit, tramite il veicolo Capital Dev guidato dall’esperto Claudio Calabi, erano andate diverse società di Parsitalia (Cave Nuove, Parsec, Parco Acacie, Samar, Vicovaro più una a Catania) che stanno sviluppando progetti immobiliari a Roma, in cambio di buona parte del debito di 700 milioni di euro. Ora gli attivi rimasti a Parsitalia saranno ceduti sul mercato per ripagare parte del debito con Unicredit (130 milioni): unità immobiliari, terreni e soprattutto quote di progetti immobiliari come, appunto, quello dell’outlet di Vicovaro, che era stato progettato nell’area tra la frazione di San Cosimato e il casello dell’A24 e prevedeva la creazione di molti posti di lavoro.