Home Trasporti Genazzano, la Regione concede il deposito Cotral “a canone ricognitorio,però paghi il...

Genazzano, la Regione concede il deposito Cotral “a canone ricognitorio,però paghi il pregresso”

70
0

 

La Regione ha stipulato con il Cotral il contratto di locazione a canone ricognitoriodel deposito di Genazzano, in Via della Stazione, “per l’importo complessivo annuo di € 24.177,56, pari ad € 2.014,79 mensilicon il presupposto del pagamento delle indennità di occupazione pregresse pari ad € 84.522”. L’azienda di trasporto regionale per gli altri depositi della Valle dell’Aniene paga affitti per oltre 420 mila euro l’anno: 329.199 per quello di Castel Madama, in Via Empolitana, e 95.247 per l’altro di Subiaco, in Corso Cesare Battisti. Il bilancio di esercizio 2017 di Cotral si è chiuso con un utile netto di 17 milioni di euro. “Un risultato che conferma e migliora quello già positivo del 2016, mai raggiunto nella storia dell’azienda, reso possibile dal rigoroso lavoro di risanamento portato avanti nell’ultimo triennio. Risanamento che non ha impedito di preservare i livelli occupazionali e di rilanciare il servizio. Dal 2016 ad oggi sono stati messi su strada 427 nuovi bus, la regolarità delle corse ha raggiunto il 99%, sono stati realizzati nuovi depositi e riqualificati i luoghi di attesa per la clientela”. Per la presidente di Cotral, Amalia Colaceci, “l’incremento dei ricavi in combinazione alla costante riduzione dei costi, attuata grazie ad importanti azioni strutturali, coerenti con il piano industriale che resta lo strumento principe per il governo delle società, anche pubbliche, ha permesso questo straordinario risultato sul quale, solo tre anni e mezzo fa in pochi avrebbero scommesso. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro di squadra del quale ringrazio tutti i dipendenti dell’azienda, la Regione Lazio e le organizzazioni sindacali che hanno creduto con noi che questo fosse possibile. Oggi Cotral con i propri risparmi contribuisce a mettere a disposizione risorse che potranno essere impiegate nell’interesse di tutti i cittadini del Lazio”.