Home Roma La Rustica, l’Asl sfrattata dalla Regione cerca nuovi locali per il Poliambulatorio

La Rustica, l’Asl sfrattata dalla Regione cerca nuovi locali per il Poliambulatorio

15
0

L’Asl Roma 2, che risulta l’azienda sanitaria con più canoni da pagare di tutto il Lazio (6 milioni e 131 mila euro l’anno per 44 immobili in affitto) è stata sfrattata da un altro ente regionale: l’Ipab (istituto pubblico di assistenza e beneficenza) “Pio Istituto sodalizio dei Fornai”. Così l’Asl Roma 2 è costretta a cercare immobili privati nel V Municipio da affittare per poterci trasferire un Poliambulatorio, un Centro Diurno ed una struttura residenziale psichiatrica. Le 3 strutture sanitarie sono “attualmente presenti all’interno di un edificio in Via della Rustica 218 di proprietà dell’Ipab Pio Istituto sodalizio dei fornai, il cui contratto di locazione è scaduto: l’Asl occupa senza titolo la struttura ed è pendente un’azione legale di sfratto con intimazione di rilascio dell’immobile”. Ma, si giustifica l’Asl, “la struttura attualmente in uso richiede ingenti interventi di qualificazione strutturale oltre ad urgenti lavori di adeguamento alla normativa antincendio non sostenibili dalla Asl in quanto di competenza della proprietà dell’immobile. Ad oggi la proprietà non ha dato alcun cenno a farsi carico dell’esecuzione dei lavori necessari, comunicati alla proprietà dell’immobile e posti come condizione indispensabile per poter valutare un eventuale rinnovo del contratto di locazione”. Ora, secondo l’Asl Roma 2, “il mercato immobiliare ha subito una contrazione dei prezzi tale da consentire la possibilità di individuare un immobile conforme alle normative tecnico-urbanistiche ad un costo più favorevole rispetto all’indennità di occupazione oggi pagata” (198.500 euro l’anno) all’Ipab regionale. Ma tutte le 10 Asl del Lazio, insieme ad altre 3 aziende ospedaliere romane, ogni anno spendono oltre 21 milioni di euro per gli affitti di 205 immobili privati, pari ad un costo di ben 58 mila e 500 euro al giorno. Anche se nel Lazio non c’è solo la “sanità in affitto”, perché la Regione spende altri 16 milioni e 949 mila euro l’anno per le locazioni degli immobili dove da tempo ha ubicato alcune direzioni, pari a 47.082 euro al giorno. Complessivamente, dunque, la Regione Lazio spende oltre 38 milioni di euro l’anno, equivalente a 105 mila e 582 euro al giorno per pagare tutti gli affitti.