Home Valle dell'Aniene Cervara ricomincia da tre, Viri tenta il tris ad Affile e Cerreto...

Cervara ricomincia da tre, Viri tenta il tris ad Affile e Cerreto è “bipolare”

52
0
Un momento delle votazioni per le elezioni comunali a Roma nel seggio di Piazza del Collegio Romano, 05 giugno 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

Cervara ricomincia da tre, un numero di mandati che chiede agli elettori di poter raggiungere anche il sindaco uscente di Affile mentre a Cerreto Laziale sarà, invece, una partita a due. Questo il quadro delle elezioni amministrative del prossimo 10 giugno nella Valle dell’Aniene. Anche a Cervara di Roma, il Comune più alto della provincia, il sindaco uscente, Giovanni Mitelli, chiede il bis a capo della lista “Noi per Cervara”. A contendergli la fascia tricolore ci sono però sia Adriano Alivernini, proposto dalla lista “Cervara Rinasce”, che Carlo Spinelli del Movimento “Italia dei diritti”. Ad Affile, nonostante la condanna in primo grado, rispettivamente a otto e sei mesi per il sacrario al gerarca fascista Rodolfo Graziani, si ricandidano sia il sindaco uscente, Ercole Viri, che uno dei due assessori (Giampiero Frosoni) finiti sul banco degli imputati del Tribunale di Tivoli nel novembre scorso. Loro hanno già proposto appello contro la condanna e, nel frattempo, chiedono agli elettori di poter fare il tris. La recente riforma Delrio, infatti, ha concesso la possibilità del terzo mandato ai sindaci dei Comuni fino a 3.000 abitanti. A cercare di non far incolonnare il terno, però, c’è il “Progetto Affile” capeggiato da Marino Frasca. Volti inediti, invece, a Cerreto Laziale, dove il sindaco uscente, Pietro Mastrecchia, è candidato nella lista “Siamo Cerreto” che propone come primo cittadino Marco Liucci. Dovrà vedersela con l’unica candidata sindaco donna: Gina Panci, a capo della lista “Amiamo Cerreto”, che assicura: “Cercheremo senza false promesse, dopo un’attenta analisi del bilancio comunale e accedendo in misura più ampia possibile ai finanziamenti sovra comunali, di portare a termine un progetto condiviso ed efficace affinché Cerreto torni a splendere come prima. Il nostro intento è agire con azioni e mezzi mirati per risolvere le inerzie, i problemi economici e tanto altro ancora”. Anche Marco Liucci assicura che “da oggi saremo costantemente impegnati in mezzo ai nostri cittadini per esporre con chiarezza e trasparenza quale è la nostra idea di Cerreto e quale Cerreto vogliamo costruire, insieme ad ogni singolo cittadino. Ascolteremo le proposte, le necessità e i problemi che ci impegneremo a cercare di risolvere”.