Home Valle dell'Aniene Subiaco, il progetto “We-Net” darà un taglio netto a una ventina di...

Subiaco, il progetto “We-Net” darà un taglio netto a una ventina di posti auto

69
0
?

A Subiaco, in via Papa Braschi, arriverà presto il marciapiede sfratta automobili. E’ un’opera compresa nel pacchetto presentato nel progetto We-Net e finanziato dalla Regione Lazio. Il lungo marciapiede che partirà dall’inizio di via Papa Braschi, andrà a togliere una ventina di posti auto in un quartiere che ha già vivacemente protestato in passato, con centinaia di firme, proprio, per i pochi stalli auto a disposizione dei residenti e degli automobilisti di passaggio. La carreggiata via Papa Braschi è di fatto una parte della traversa interna della strada regionale 411 che è di competenza dell’Astral e il Comune dovrà, comunque, chiedere alla società regionale il necessario nulla osta. Lo sfratto dei posti auto va anche a cozzare contro un’altra decisione presa dall’amministrazione comunale, che ha rinnovato per il terzo anno consecutivo l’affitto dell’area dell’ex Cartiera, proprio, per la sosta delle auto e dei mezzi in generale.  E nel contratto di affitto stipulato dall’amministrazione comunale l’area è stata presa in locazione proprio per la carenza di posti auto, anche, nel quartiere di via Papa Braschi. Questo quanto riportato nel contratto di affitto, una locazione che alle casse comunali, costa circa 20 mila euro all’anno. “Tale area è collocata a ridosso dell’area urbana di Piazza Roma, via Papa Braschi, via dei Piattari e via Fabio Filzi, strade caratterizzate da alta densità abitativa e da consistente presenza nel fine settimana di cittadini e turisti; che conseguentemente la domanda di parcheggio in tali aree urbane è estremamente elevata a fronte di un’offerta limitata ai soli bordi stradali ed a due sole piazze di ridotte dimensioni e quindi insufficienti al pieno soddisfacimento”. Da una parte, dunque, il Comune affitta l’area per la sosta, perchè in zona ci sono pochi stalli auto, e dall’altra li elimina costruendo un marciapiede. L’affitto fino ad oggi è costato alle casse pubbliche una cifra intorno ai 60 mila euro.