Home Trasporti Cotral, sale a bordo “l’autista-controllore” Deviazione di percorso per la Roma-Tivoli

Cotral, sale a bordo “l’autista-controllore” Deviazione di percorso per la Roma-Tivoli

36
0

Dopo il crollo del ponte fosso Osa, dall’inizio di aprile tutte le corse Roma Ponte Mammolo – Tivoli (via Prenestina) hanno subito“una deviazione di percorso: a Via Palmiro Togliatti proseguono sull’autostrada A24 con uscita a Lunghezza, poi percorrono via Lunghezzina quindi Corcolle e riprendono il percorso originale su via Polense.Per raggiungere il tratto tra il GRA e Osteria OSA è possibile fruire delle corse dirette a Poli e Genazzano o il servizio ATAC”.

L’AUTISTA-CONTROLLORE – Il 9 aprile è partita la sperimentazione su mille corse: “Si sale solo dalla porta anteriore con il biglietto o l’abbonamento a portata di mano, pronto per essere convalidato e mostrato all’autista: è partito il controllo a vista dei titoli di viaggio da parte del conducente su circa mille corse di linea Cotral. La sperimentazione durerà sei mesi su linee a bassa frequentazione in tutto il territorio del Lazio per poi essere progressivamente estesa alle corse anche in orario di punta. Nella prima fase gli autisti saranno affiancati da squadre di verifica a bordo dei bus e da personale Cotral sulle banchine nei principali nodi di scambio. La campagna di comunicazione “Miglioriamo Insieme”, partita lo scorso mese di marzo, ha invece l’obiettivo di sensibilizzare i clienti su alcune buone pratiche per evitare che si formino code in salita sui mezzi alle fermate e ai capolinea: un adesivo avverte i passeggeri che non è consentita la salita dalla porta posteriore, all’interno, sulla fiancata e sul retro dei mezzi penduli e pellicole veicolano il messaggio. Il risultato è stato possibile anche grazie ad un accordo che l’azienda ha raggiunto nel febbraio del 2017 con le organizzazioni sindacali al fine di ridurre ulteriormente il fenomeno dell’evasione tariffaria. Gli autisti nel frattempo sono stati dotati di patentino di polizia amministrativa, ovvero la qualifica necessaria a richiedere il titolo di viaggio ai passeggeri e, eventualmente, ad emettere sanzioni. Nell’ultimo biennio Cotral grazie all’intensificazione delle attività di verifica dei titoli di viaggio e all’implementazione della rete di vendita ha già raggiunto importanti traguardi, segnando un +21% di biglietti venduti nel 2017 rispetto al 2016”. Ma il Sindacato Unitario Lavoratori – Comparto Trasporti, Segreteria di Roma e del Lazio “esprime forti perplessità nei riguardi delle disposizioni organizzative emanate dalla Società Cotral”. Perché, secondo il sindacato, “molti aspetti “comportamentali” richiesti dalla Società agli Operatori di Esercizio sono di difficile applicazione (basti pensare all’autista che compiendo una fermata si trovi a verbalizzare, magari più persone sprovviste di biglietto, intralciando con l’autobus il traffico, accumulando ritardo nella marcia, causando disagi ai passeggeri che devono recarsi a lavoro o altrove)”.