Home Trasporti Nessuna quiete dopo la tempesta nevosa: frane a Bellegra, Rocca S. Stefano...

Nessuna quiete dopo la tempesta nevosa: frane a Bellegra, Rocca S. Stefano e Gerano

53
0

Nessuna quiete dopo la tempesta di neve di febbraio. Nella Valle dell’Aniene si sono verificate alcune frane tra Bellegra, Rocca Santo Stefano e Gerano. A Bellegra, nella frazione di Vaccarecce, il costone ha investito anche alcuni cavi elettrici, ma il transito sulla strada è stato ripristinato in pochissimo tempo. Più complessa la situazione lungo la strada provinciale Rocca Santo Stefano- Gerano, ancora chiusa al transito veicolare e pedonale. Pesanti disagi per i residenti dei due Comuni e il sindaco di Rocca Santo Stefano ha lanciato un Sos alla sindaca metropolitana, Virginia Raggi. Le torrenziali piogge che si sono abbattute per diversi giorni, hanno provocato una vasta frana sulla tangenziale di Gerano e la direzione viabilità della Città Metropolitana ha chiuso al traffico la carreggiata al km 1,400. I disagi più pesanti sono per i cittadini di Rocca Santo Stefano in quanto la provinciale verso il Comune di Gerano era il tragitto più breve per raggiungere la Capitale e Tivoli. Ora dopo la chiusura, i mezzi del Cotral debbono deviare verso Pisoniano e San Vito e poi arrivare a Rocca Santo Stefano e viceversa, dal bivio di Bellegra. “Significa allungare il viaggio – ha spiegato il sindaco di Rocca Santo Stefano, Sandro Runieri –  con un aumento dei tempi di oltre mezz’ora”. In pratica i pendolari che devono raggiungere la Capitale tocca svegliarsi almeno un’ora prima per recarsi al lavoro o alle scuole di Tivoli e Roma. “La strada è sprofondata a valle di tre metri – ha continuato Runieri – e il fronte franoso a valle è di almeno 150 metri. Ho già sollecitato la direzione viabilità e ora scriverò anche alla sindaca Raggi per avere almeno un intervento immediato per la riapertura della strada, altrimenti rischiamo pesanti problemi anche per i rifornimenti delle attività commerciali e produttive”. Per il primo cittadino è di vitale importanza avviare prima i lavori per la riapertura e poi pensare a tutto il movimento franoso. “Con dei micropali – ha concluso Runieri – si può riaprire la provinciale e scongiurare il nostro isolamento per molto tempo e poi provvedere a tutto il costone a valle”.

IL COMUNICATO DEL COTRAL – “A causa di una frana a Gerano, tutte le corse Tivoli – Rocca Santo Stefano (A/R) sono limitate a S. Anatolia. Gli orari di transito a Cerreto rimarrano invariati. Dal lunedì al venerdi la corsa studenti Tivoli – Rocca S. Stefano h 14.30 che limita il percorso in loc. S. Anatolia, viene sostituita dalla corsa Tivoli – Genazzano h 13.50 che effettuerà coincidenza a S. Vito Romano per Rocca S. Stefano. Mentre il sabato la corsa studenti Tivoli – Rocca S. Stefano h 14.00 che limita il percorso in loc. S. Anatolia, viene sostituita da dalla corsa Tivoli – Genazzano h 13.45 che effettuerà coincidenza a S. Vito Romano per Rocca S. Stefano”.